Il falco è il nostro simbolo in quanto sintesi del nostro sentire
Home page Chi siamo gli Amici Contattaci
 
User
Password
» Iscriviti
» Ricorda Password
 
Dossier
Ambiente e Scienza
Amici di penna
Attualità
Biblioteca
Economia e Finanza
Europa
Fuoco amico
Giustizia
Guzzanti's Corner
La Chiesa e l'Islam
La mia Africa
Le spine di Opunzia
Nel Mondo
Scuola e Università
Società e cultura
Terza Pagina
DE GASPERI SCONOSCIUTO
 
Inserito il 1-5-2005
Scritto numero uno: Il Terzo Reich


«Tasse più basse dopo le confische contro i giudei»

Il corrispondente viennese della Liberté di Friburgo dopo aver accen­nato alle persecuzioni contro gli ebrei e cristiano -sociali avverte però che le vittime del nuovo regime possono ridursi a poche centinaia di migliaia, mentre gli "ariani austriaci" che sentono ogni giorno vantaggi per il miglioramento economico generale sono più di 6 milioni.

È innegabile che la vita economica ha preso un altro ritmo. Per esempio la sottoprefettura di San Polten contava alla fine di aprile 10rnila disoccupati; ora non ne conta più uno, perché tutti sono ingaggiati nella costruzione dell'autostrada che passa per questa città.

Altro esempio: i maestri e pro­fessori austriaci, non erano in grado di trovare posti sufficienti e il Ministro dell'Istruzione del Reich con un solo tratto di penna pro­curava il posto nelle province nordiche a 1.200 di loro. Ancora: il Politecnico di Vienna (...) era in decadenza (...); il Reich ha subito messo a disposizione 50 milioni di marchi (...).

La liquidazione delle fortune ebrai­che allarga le prospettive degli affari per gli altri e i posti di avvocati e di medici rimasti vacanti aprono uno sfogo alle carriere. Le tariffe postali vennero abbassate, le tasse sulle automobili e sulle biciclette diminuite: tutti questi elementi economici spiegano come molti siano disposti a rinunciare al romanticismo della vecchia Austria. Si aggiungano gli spettacoli ispirati alla nuova mistica che trascinano la gio­ventù ed infine la convinzione che l'Anschluss era divenuto una fatalità fissata dal destino nei secoli e che l'es­servi arrivati comunque significa che per gli austriaci l'approdare in seno alla nazione e a una patria più grande.

(Illustrazione Vaticana, 1-15 luglio 1938).


Da Libero del 28 aprile 2005