Il falco è il nostro simbolo in quanto sintesi del nostro sentire
Home page Chi siamo gli Amici Contattaci
 
User
Password
» Iscriviti
» Ricorda Password
 
Dossier
Ambiente e Scienza
Amici di penna
Attualità
Biblioteca
Economia e Finanza
Europa
Fuoco amico
Giustizia
Guzzanti's Corner
La Chiesa e l'Islam
La mia Africa
Le spine di Opunzia
Nel Mondo
Scuola e Università
Società e cultura
Terza Pagina
Attualità
Commenta l'articolo
Inserito il 31-3-2004  
L'elefantino va giù pesante
di Sandra Giovanna Giacomazzi


A leggere l'editoriale in stile caduta libera dell'elefantino, il suo "tantrum" o il suo capriccio da bambino viziato per una legge "ad sodalem di merende dei vecchi tempi" non passata, ho provato la medesima delusione di Mario Giordano.

Ho sempre difeso Giuliano Ferrara da chi lo imputava di scaltro opportunismo. Però a guardare l'opera incessante dei lobbisti di Lotta Continua, viene il dubbio che non abbiano perso il vizio, ma che abbiano solo lisciato il pelo, che si siano camuffati, avendo capito che il clima del sessantotto era cambiato e quindi, astuti, sono cambiati anche loro e che Ferrara, come Pannella, percepisce il soffio di un nuovo vento e pertanto abbia deciso di non puntare sul cavallo che non ritiene più vincente.

Ma Berlusconi non accetterà il suggerimento di mandare la redazione del Foglio a casa perché il suo direttore fa i ghiribizzi battendo i pugni e pestando i piedi per terra. Il nostro Premier Pegaso vola alto rispondendo che, sì, lui era convinto che i tempi erano maturi per la grazia a Sofri, ma non essendo lui un dittatore, ed essendoci il Parlamento, lui, come tutti, deve sottostare alle decisioni di quell'istituzione che rappresenta la volontà del popolo.