Il falco è il nostro simbolo in quanto sintesi del nostro sentire
Home page Chi siamo gli Amici Contattaci
 
User
Password
» Iscriviti
» Ricorda Password
 
Dossier
Ambiente e Scienza
Amici di penna
Attualità
Biblioteca
Economia e Finanza
Europa
Fuoco amico
Giustizia
Guzzanti's Corner
La Chiesa e l'Islam
La mia Africa
Le spine di Opunzia
Nel Mondo
Scuola e Università
Società e cultura
Terza Pagina
Giustizia
Commenta l'articolo
Inserito il 12-11-2003  
PROSPETTIVA GULAG: il mandato di arresto europeo - Costituzione addio
di Carlo Alberto Agnoli


Cari amici e amiche che ci leggete, riteniamo importante e doveroso diffondere lo studio sul mandato di arresto europeo elaborato dal Dr. Carlo Alberto Agnoli, attualmente Presidente del Tribunale per i minorenni di Trento.
E' una lettura accessibile come linguaggio, ma molto ostica come contenuto, in quanto illustra molto bene e approfonditamente una questione che sarà di fondamentale importanza per la vita di tutti noi: la nostra libertà individuale, che viene manomessa gravemente da un Leviatano europeo che purtroppo conosciamo molto poco.

Il testo dell'opera intera è a vostra disposizione: fatelo girare tra i vostri amici e conoscenti, diffondetelo.



**********************

Dal sito : www.giovanipadani.leganord.org

L’autore di questo studio, il Dr. Carlo Alberto Agnoli, è attualmente presidente del Tribunale per i minorenni di Trento. Entrato in magistratura venticinquenne, nel 1964, vi ha svolto per molti anni funzioni tanto inquirenti quanto giudicanti, queste ultime sia in primo grado che in grado di appello. Nel suo quasi quarantennale curriculum figurano anche oltre cinque anni di magistratura di sorveglianza, che gli hanno dato occasione di conoscere da vicino il mondo ed i problemi delle carceri.



PROSPETTIVA GULAG:
IL MANDATO DI ARRESTO EUROPEO - COSTITUZIONE ADDIO


Di Carlo Alberto Agnoli


Hai mai immaginato di poter essere deportato in Bulgaria per un fatto da te compiuto in Italia e non previsto come reato dalla legge italiana, ma considerato tale da quella bulgara? Hai mai pensato di doverti difendere in un Paese di cui non conosci la lingua, dimenticato da un’opinione pubblica che neppure sa della tua esistenza?

Le prospettive che si aprono con il mandato di arresto europeo sono queste, ed ancora peggiori: in seno all’U.E. si sta approntando un impressionante meccanismo repressivo dei "reati" di opinione, con lo scopo di allontanare il deportando dai propri luoghi di appartenenza, di depredarlo di ogni bene nel caso in cui abbia i mezzi per approntare una difesa all’estero… di silenziarlo in ogni senso.

L’U.E. rompe così sistematicamente con vari ed elementari principi di civiltà giuridica: in primo luogo viene minato il principio di certezza del diritto, in quanto la individuazione di reati di opinione contemplati dalla normativa europea con espressioni giuridicamente fumose e di larghissima portata, consente in astratto di criminalizzare chiunque.

È chiaro quale sia lo scopo coperto dietro al pretesto di uno spazio di sicurezza europeo: reprimere ogni dissenso ideale, fornendo alle "lobbies" egemoni la possibilità di incidere profondamente nel tessuto ideale e sociale, amputando a piacere le parti non gradite.

La legge dei sospetti, alla base dell’epoca del terrore rivoluzionario giacobino e l’art. 58 del codice penale sovietico, fondamento della repressione staliniana, hanno impressionanti somiglianze con il mandato di arresto europeo.

D’altronde Lenin, entusiasta cultore degli ideali giacobini, aveva osservato, parlando dei mezzi di repressione contro i dissenzienti: "Occorre formulare (la norma) con la massima ampiezza possibile, perché soltanto la coscienza giuridica rivoluzionaria e la coscienza rivoluzionaria stessa potranno suggerire la sua applicazione di fatto, più o meno larga".


www.giovanipadani.leganord.org