Il falco è il nostro simbolo in quanto sintesi del nostro sentire
Home page Chi siamo gli Amici Contattaci
 
User
Password
» Iscriviti
» Ricorda Password
 
Dossier
Ambiente e Scienza
Amici di penna
Attualità
Biblioteca
Economia e Finanza
Europa
Fuoco amico
Giustizia
Guzzanti's Corner
La Chiesa e l'Islam
La mia Africa
Le spine di Opunzia
Nel Mondo
Scuola e Università
Società e cultura
Terza Pagina
Nel Mondo
Commenta l'articolo
Inserito il 11-12-2005  
Broken Promises: Le promesse non mantenute dell'ONU
di Sandra Giovanna Giacomazzi


Negli Stati Uniti è uscito un nuovo film sulle Nazioni Unite e non si tratta del blockbuster thriller The Interpreter con Sean Penn e Nicole Kidman. Questo nuovo film, che esce in un numero limitato e selettivo di sale cinematografiche negli Stati Uniti, è un documentario low budget prodotto da Citizens United. Il film s'intitola Broken Promises, promesse non mantenute, e racconta come le Nazioni Unite abbiano mancato clamorosamente i loro obbiettivi principali fin dall'inizio.

«L'idea era che i Paesi più importanti usciti vittoriosi dalla Seconda Guerra Mondiale avrebbero continuato a collaborare dopo la guerra per mantenere la pace attraverso le Nazioni Unite. Questo, però, risultò una mancanza di lungimiranza sbalorditiva, perché, l'Unione Sovietica anziché adoperarsi come un bravo poliziotto, era proprio lei il più importante criminale sulla scena mondiale del dopoguerra!». E' con queste parole di Joshua Muravchik dell'American Enterprise Institute che il film esordisce.

Solo un anno dopo la fondazione delle Nazioni Unite, Winston Churchill fece un ammonimento. Vide l'Unione Sovietica e la sua aggressività nell'Europa dell'Est come una minaccia. Si chiese come un ente mondiale dedicato alla pace potesse includere uno Stato totalitario come membro del Consiglio di Sicurezza. «Dobbiamo assicurarci che il suo lavoro sia fruttuoso, che sia una realtà e non una frode, che sia un vero tempio della pace [...] che non sia l'arena di commando per la Torre di Babele.»

Il film denuncia come l'organizzazione sia diventata proprio la Torre di Babele temuta da Churchill e come abbia fallito alla grande sia con le sue omissioni, come nel Ruanda, sia con i suoi interventi come a Srebrenica. Ci sono testimonianze di persone che hanno lavorato sul campo in varie missioni dell'Onu che si lamentano di quanto fossero mal preparate e addestrate per i compiti a loro assegnati. Uno studente di legge con nessuna conoscenza di operazioni militari si è trovato a dover gestire scambi di prigionieri di guerra. Un'altra persona che faceva la segretaria in Cambogia, specializzata nelle logistiche delle elezioni, ha dovuto gestire delle operazioni d'intelligence.

In un dibattito fra David Bossie, co-produttore del film e presidente di Citizens United e David Schorr della Stanley Foundation, il secondo sosteneva che le Nazioni Unite fossero riformabili, mentre il primo affermava che sarebbe meglio cominciare daccapo con un'organizzazione gestita esclusivamente dalle democrazie.

Schorr dice che i misfatti delle Nazioni Unite non sono colpa dell'organizzazione, ma dei Paesi membri e dei loro governi. Ma il suo punto confermava quello di Bossie: «Appunto, ci sono troppi Paesi membri che non sono democrazie». Secondo Schorr, le Nazioni Unite esistono da 60 anni e «non possiamo disfarcene e cominciare da capo». Bossie sostiene il contrario, «se abbiamo sbagliato per 60 anni, non vuol dire che siamo obbligati a sbagliare per altri 60!». Suggeriremo a Citizens United di darsi da fare in fretta per tradurre e doppiare il loro lavoro e renderlo disponibile per il mercato europeo. Magari potrebbe riparare qualche danno fatto da opere come quella di Michael Moore.


Dal sito www.ragionpolitica.it