Il falco è il nostro simbolo in quanto sintesi del nostro sentire
Home page Chi siamo gli Amici Contattaci
 
User
Password
» Iscriviti
» Ricorda Password
 
Dossier
Ambiente e Scienza
Amici di penna
Attualità
Biblioteca
Economia e Finanza
Europa
Fuoco amico
Giustizia
Guzzanti's Corner
La Chiesa e l'Islam
La mia Africa
Le spine di Opunzia
Nel Mondo
Scuola e Università
Società e cultura
Terza Pagina
Società e cultura
Commenta l'articolo
Inserito il 11-8-2006  
Andrea's version
Andrea Marcenaro


Ora dico, possibile che se una ragazza araba chiede di portare il velo a scuola in Francia scoppia comprensibilmente un casino, e scoppia anche in Italia, mentre se gli sceicchi in vacanza in Italia chiedono che si approntino spiagge separate per le loro mogli, chiuse agli altri maschi, dove le loro signore islamiche possano finalmente togliersi il velo, e magari il cappotto, al riparo da occhiacci indiscreti, non gliene frega una mazza a nessuno?

E’ successo a Riccione, l’avrete letto sul Corriere della Sera. E il sindaco di Riccione ha già risposto sì, spiagge separate perché, dice, il turista ha i suoi diritti. E lo sceicco, il che non guasta, spende.

Perciò. Senza scomodare Montesquieu e Diderot, Rousseau e D’Alembert, o l’illuminismo e la laicità, ci limitiamo qui a constatare che lo sceicco può guardarsi tutte le nostre più tutte le sue. Noi, a malapena le nostre.

Limitatamente a questo argomento, che non è soltanto estivo, vorremmo perciò chiedere all’onorevole Massimo D’Alema se non trova che, da parte islamica, si stia facendo un uso sproporzionato della gnocca.


Il Foglio del 5 agosto 2006