Il falco è il nostro simbolo in quanto sintesi del nostro sentire
Home page Chi siamo gli Amici Contattaci
 
User
Password
» Iscriviti
» Ricorda Password
 
Dossier
Ambiente e Scienza
Amici di penna
Attualità
Biblioteca
Economia e Finanza
Europa
Fuoco amico
Giustizia
Guzzanti's Corner
La Chiesa e l'Islam
La mia Africa
Le spine di Opunzia
Nel Mondo
Scuola e Università
Società e cultura
Terza Pagina
La Chiesa e l'Islam
Commenta l'articolo
Inserito il 24-10-2006  
“Il velo è un modo per discriminare le donne”, ci dice Lakhdar


Accettare il velo significa credere nell’inferiorità della donna”, dice al Foglio Lafif Lakhdar, giornalista e filosofo tunisino, al telefono dalla sua casa a Parigi. Lakhdar, uno degli intellettuali più progressisti del mondo arabo, è stato definito dal quotidiano israeliano Haaretz lo “Spinoza del medio oriente”, e gli scrittori tunisini lo considerano la “voce liberale del mondo arabo”.

Nel 2002, il quotidiano saudita con base a Londra al Hayat lo licenziò per avere pubblicamente condannato su al Jazeera le “barbarie” dei regimi arabi, tra cui le mutilazioni e le punizioni corporali. Nel 2004, Lakhdar ha attirato l’attenzione dei mass media internazionali per aver inoltrato una petizione alle Nazioni Unite chiedendo un tribunale non soltanto per i terroristi, ma anche per le figure religiose che istigano alla violenza e all’odio.

Per Lakhdar, anche se alcune ragazze musulmane scelgono liberamente di indossare “l’abito settario”, il velo rimane un accessorio da bandire: “In passato, alcuni schiavi accettavano il proprio status, ma ciò non significa che la schiavitù non dovesse essere abolita – sostiene Lakhdar – Allo stesso modo, non posso permettere che una donna copra il proprio volto, accettando di essere un essere inferiore all’uomo”.

Lakhdar ricorda anche che in Tunisia esiste il decreto 108 del 1981, che vieta di indossare il velo nei luoghi pubblici. “La legge è fatta per essere rispettata e non per essere infranta da persone che sostengono di potersi eccitare sessualmente se i capelli di una donna non sono coperti”, dice Lakhdar, che non risparmia dure parole neppure per l’Europa, che non sa difendere i dissidenti del mondo musulmano.

Per le sue opinioni infatti il giornalista tunisino vive con la certezza di poter essere ucciso in qualsiasi momento.

Rachid Ghannouchi, leader del movimento islamista al Nahda, lo ha condannato a morte con una fatwa, accusandolo di avere offeso in un libro – che Lakhdar non ha mai scritto – il Profeta Maometto. In un articolo apparso sul portale saudita Elaph.com, si richiedeva l’impiccagione pubblica dell’intellettuale tunisino.

Quando Ghannouchi prenderà il potere in Tunisia, instaurerà l’obbligo del velo e della barba e la leicità della poligamia – scriveva l’articolo – Ghannouchi, poi, farà prelevare da Parigi Lakhdar e anche la scrittrice eretica, Raja Ben Slama, per impiccarli nella piazza centrale di Tunisi”.

Ben Slama, autrice e docente, come Lakhdar, si è espressa più volte contro il velo – dichiarando che la “questione femminile è inscindibile da quella islamica” – e ha anche criticato pubblicamente i “deliri” del leader di al Nahda, che vive a Londra e lavora assieme al popolarissimo sceicco al Qaradawi.

 In questi ultimi anni, Lakhdar ha cercato di intentare una causa contro Ghannouchi al governo britannico, ma senza alcun successo. “Secondo le leggi inglesi, una persona che incita alla violenza non è colpevole fino a quando non uccide qualcuno – commenta Lakhdar – La giurisprudenza europea deve essere modernizzata, perché oggi giorno non protegge il cittadino, ma incoraggia il terrorismo”.

La lotta contro il velo s’inserisce secondo il giornalista tunisino in questo contesto di dissidenza.

Qualche anno fa, Ghannouchi aveva una trasmissione televisiva, in cui obbligava le musulmane ad adottare il velo – racconta Lakhdar – Gli islamisti credono, infatti, che il corpo femminile debba essere completamente coperto, perché, in quanto impuro, può provocare turbamenti sessuali nell’uomo”. Un altro modo per condannare le donne all’inferiorità.


Il Foglio del 24 ottobre 2006