Il falco è il nostro simbolo in quanto sintesi del nostro sentire
Home page Chi siamo gli Amici Contattaci
 
User
Password
» Iscriviti
» Ricorda Password
 
Dossier
Ambiente e Scienza
Amici di penna
Attualità
Biblioteca
Economia e Finanza
Europa
Fuoco amico
Giustizia
Guzzanti's Corner
La Chiesa e l'Islam
La mia Africa
Le spine di Opunzia
Nel Mondo
Scuola e Università
Società e cultura
Terza Pagina
Società e cultura
Commenta l'articolo
Inserito il 26-10-2006  
La sinistra italiana rifiuta di fare i conti con il suo passato
Davide Giacalone


Mi sono stufato di leggere falsi e cretinerìe sui fatti d'Ungheria, mi sono stufato di vivere un dibattito politico la cui memoria storica è inquinata e la cui etica inesistente. Ma, prima di tutto, mi sono stufato di sentire il piagnucolio falso ed indecente di quanti hanno costruito la loro carriera politica e le loro presenti fortune grazie ai soldi sporchi di sangue, grazie ai dollari che ricevevano dalla medesima dittatura che schiacciò sotto ai cingoli il grido di libertà ungherese. Basta.

La pessima rappresentazione pubblica cui assistiamo è il segno che l'Italia è forse l'unico Paese europeo incapace di misurarsi con la storia, incapace di fare i conti con il fu impero comunista.

Ha cominciato il Presidente della Repubblica, già autore di memorie reticenti ed omertose, riconoscendo, bontà sua, che "Nenni aveva ragione". No, il fatto è che avevano ragione tutti, tranne i comunisti che appoggiarono i carri armati.

Poi è arrivato D'Alema, lamentando che alla cerimonia di Budapest non tifasse il popolo, ma dimeticando che il popolo ungherese non perdonerà mai chi intìnse la penna ed inzuppò il pane nel suo sangue, chi non bruciò di vergogna mentre le fiamme divoravano Jan Palach, eroico resistente agli stessi carri armati entrati a massacrare Praga.

E non vuole mancare Bertinotti, che con aria contrita riconosce l'errore dell'Unione Sovietica. Ma i compagni di coalizione di Bertìnottì, i comunisti del Pci, che sono le stesse identiche persone oggi alla testa dei Ds, presero soldi sovietici fino al 1991.

Trentatinque anni dopo i fatti d'Ungheria ancora si facevano mantenere dalla stessa mano assassina. Queste non sono neanche lacrime, è un portafoglio di coccodrillo.

I signori Napolitano, D'Alema, Bertinotti e compagnia comunisteggiante si mettano tranquilli, quel che fu il comunismo è chiarissimo a chiunque non sia corrotto nell'animo, loro, piuttosto, ci parlino dei loro errori, di quelli che hanno commesso in prima persona, con i loro nomi ed il loro cognomi.

Ci parlino del loro mondo, non di quello dei compagni russi, perché non abbiamo nessuna intenzione di leggere sul Pansa dei prossimi trenta anni quel che sappiamo già. Ci parlino di quel che hanno fatto loro.

O tacciano, che è pure meglio.


Libero del 26 ottobre 2006